I TG regionali 222XX non si cambiano

I TG regionali 222XX non si cambiano

Da poche settimane è stato introdotto un nuovo protocollo open source chiamato OpenBridge che permette l’interconnessione e lo scambio flussi tra i server DMR. Questo nuovo protocollo attualmente è stato introdotto sia dal master server BM che dal master server DMR+ IPSC2. Grazie a questa nuova possibilità che però trova ancora ostacoli, per le caratteristiche diverse delle
piattaforme server dmr, è possibile condividere i flussi AMBE.

Premesse:

  • entrambi i manager delle piattaforme BM italiane sono favorevoli all’interconnessione tra le reti
    per eliminare le barriere che dividono i radioamatori;
  • le reti bm italia sono 2 (2221/2 e 2223);
  • le scelte impattanti per la rete devono essere condivise;
  • è doveroso adoperarsi nel trovare soluzioni tecniche che possano agevolare e non destabilizzare e
    confondere i radioamatori;

In questi giorni i team 2223 e DMR+ Tuscany hanno effettuato prove di interconnessione sui regionali utilizzando il nuovo protocollo OpenBridge. Purtroppo per la natura diversa delle piattaforme (su BM utilizziamo TG regionali a 5 cifre (222XX) e sulla piattaforma IPSC2, utilizzata dal server Tuscany e DMR-Italia, non è possibile andare oltre le 4 cifre) sono sorti problemi di numerazione TG regionali. Il team 2223 non trovando soluzioni software, che però sono possibili, ha deciso arbitrariamente di battezzare una nuova numerazione regionale a 4 cifre non standard MCC (223X e 224X) per raggiungere l’obbiettivo dell’interconnessione e dello scambio flussi.

Si loda l’iniziativa, ma non accettiamo l’idea che vengano stravolti i TG regionali.

Come manager dei master server 2221/2 abbiamo optato sempre per soluzioni logiche che aiutino a migliorare la rete, utilizzando convenzioni mondiali, adottate sia dalla piattaforma software che dallo standard ETSI DMR (le nostre numerazioni sono standard MCC). Storicamente abbiamo cercato sempre la condivisione, che è stata sempre rifiutata da Marc e DMR+. BM è nato con la filosofia della condivisione e avendo anche possibilità diverse, ci siamo adoperati nel realizzare configurazioni e numerazioni TG per meglio sfruttare le potenzialità del software e della tecnologia DMR. BM2221/2 ha cercato soluzioni per aggregare e rendere flessibile il sistema garantendo anche l’uso locale dei ripetitori. Abbiamo introdotto soluzioni uniche, come priorità e temporizzazioni per cluster e TG9 (presenti solo su BM2221/2) e la definizione di pochi TG (nazionale, regionali, tac, locali e cluster) per aggregare e rendere il sistema di facile utilizzo considerando i molti ripetitori, che coprono vaste aree, preservando chi usa terminali radio professionali. Abbiamo sempre sconsigliato l’uso di innumerevoli TG, per evitare la non fruibilità dei ripetitori, occupati da PV call o uso di TG non convenzionali e confuso ulteriormente i radioamatori meno esperti oltre a disgregare i radioamatori.
Alla luce di queste nuove possibilità e da quanto messo in campo dal team 2223, noi sconsigliamo fortemente l’uso della nuova numerazione proposta e comunichiamo che le numerazioni regionali 222XX attualmente in uso restano attive e ufficiali per la rete BM-ITALIA (nulla è stato accettato e condiviso).

Queste le nostre controdeduzioni al team 2223:

  1.  Nessun cambiamento e riconfigurazioni della radio;
  2.  Nessuna confusione per i radioamatori;
  3.  Gli attuali TG regionali 222XX sono in standard DMR – ITU-Mobile Country Code assegnate all’Italia
    (223,224 non sono numerazioni MCC valide);
  4.  Nessuna modifica ai server;
  5.  Possibilità di interconnessione con DMR+, non appena IPSC2 sarà in grado di gestire TG superiori
    alle 4 cifre come da convenzione ETSI DMR.

Pertanto, si informa che Team BM 2221/2 non è assolutamente favorevole all’adozione della nuova numerazione regionale proposta dal team 2223, per i motivi summenzionati. Non è necessario stravolgere le nostre impostazioni, che sono in standard ITU-MCC (223X e 224X non lo sono), per problemi di altre piattaforme software. IL team 2221/2 è favorevole alla condivisione dei flussi, ma se le caratteristiche dei vari server DMR non sono compatibili tra loro, considerando che BM è in standard ETSI anche per i digit dei group ID (TG), è doveroso non stravolgere le nostre configurazioni, per avviare a tutti i costi e in tempi brevi le interconnessioni con DMR+, ma attendere tempi necessari che permettano agli sviluppatori software di modificare il codice dei server DMR (attività che in questo caso dovrà fare KURT su IPSC2 adottato dalla rete DMR+). Questa comunicazione è necessaria, non avendo assolutamente condiviso la scelta adottata dal Team 2223. In Italia esistono due realtà BM, gestite da due Team diversi e con vedute diverse. Lo stravolgimento di una numerazione regionale, che è fortemente impattante per la rete DMR BM-ITALIA,
doveva essere in primis valutata tecnicamente e comunque autorizzata\accettata da entrambe le piattaforme BM. Purtroppo arbitrariamente il Team 2223 ha deciso di perseguire l’iniziativa, trovando una soluzione che non ha considerato soluzioni tecniche che potessero in qualche modo permettere comunque l’interconnessione con DMR+ senza stravolgere e confondere i radioamatori che utilizzano il sistema DMR BM, in attesa che IPSC potesse essere riadeguato. Pertanto, si consiglia di non utilizzare le numerazioni regionali suggerite dai manager di BM2223 e attendere i giusti tempi per intraprendere, con gli strumenti giusti, le interconnessioni senza stravolgere convenzioni e radioamatori.

Si ricorda che il sysop ha piena autonomia sulla configurazioni del ripetitore, eventualmente anche bloccare private call e TG indesiderati. Con la speranza che quest’ultima funzione non venga richiesta sui TG canonici (Nazionale, regionali, tac e cluster), che rendono la rete omogenea e fruibile da tutti. Come prevedono le policies: https://wiki.brandmeister.network/index.php/Policies_and_Rules nei punti 2 e 3 sezione “Master Servers Administrators shall NOT:”

Si autorizza la divulgazione del presente documento.
73 de IW7DZR, Giacomo.

One thought on “I TG regionali 222XX non si cambiano

  1. Condivido pienamente tale decisione.
    Con la speranza, comunque, di trovare un accordo diplomatico con gli amministratori di altre piattaforme.
    Questo, per far sì che, tutti i radioamatori, (anche se di diverse parrocchie) possano dialogare tra di loro. Siamo sempre dei radioamatori.
    Mille grazie Giacomo per il contributo che ci dai.

    Mimmo IK6IHH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *